Un’altro incredibile polmone naturale: la riserva delle Gole del Sagittario

Come ogni sabato anche oggi siamo qui per palarti di alcune delle bellezze che non potrai perderti se hai deciso di trascorrere qui la tua vacanza. Oggi nello specifico vogliamo mostrarti una riserva del tutto nuova, vogliamo mostrarti un paradiso naturale quasi incontaminato e certamente da non perderti. Stiamo parlando della Riserva Gole del Sagittario.

 

La riserva

Scopriamo insieme di cosa si tratta analizzando tutte le peculiarità di questo incredibile luogo. Le Gole vanno a formare una tipica valle fluviale infatti per numerosissimi secoli l’acqua ha scavato queste terre donandole l’aspetto che oggi è possibile notare.

Le Gole sono circondate da pareti rocciose verticali e delinea l’ambiente donando una parvenza straordinaria. L’intera area rientra in una riserva naturale grande circa 450 ettari e costituita intorno al 1991. Nella vale sono presenti boscaglie, salici e pioppi ma anche le faggete tipiche della regione Abruzzo.

Anche da un punto faunistico le Gole del Sagittario sono molto ricche. Difatti sono presenti lupi, cervi, caprioli, aquile reali, falchi pellegrini, gatti selvatici ed ovviamente orsi. Per poter esplorare al meglio le Gole il WWF ha dato vita a numerosissimi sentieri che risalgono sino alla località Castrovalva un antico borgo che sorge su un’altura rocciosa. Un luogo altrettanto bello per numerose attività che è possibile svolgere.

 

Come e quando esplorare la riserva

Esplorare la riserva delle Gole del Sagittario è un’esperienza davvero unica per i colori ed i profumi che è possibile osservare all’interno dell’intera riserva. E’ possibile visitare le gole tutto l’anno. Nei mesi estivi quotidianamente vengono organizzate visite guidate e contrariamente nei mesi invernali è necessario prenotare. Le escursioni nella riserva consistono nella visita nel Giardino Botanico presso le sorgenti di Cavuto e l’esplorazione dei sentirei delle Gole.

 

Share: