L’Eremo celestiniano di Madonna dell’Altare in Abruzzo

Ciao e benvenuto nel Blog dell’Hotel Pinguino! Il nuovo articolo di oggi rientra nella nostra rubrica ‘gli eremi d’Abruzzo’ vedremo un un altro capolavoro abruzzese, difficilmente raggiungibile ma di inestimabile bellezza e valore, l’eremo celestianino di Madonna dell’Altare a Palena in provincia di Chieti.

Ma non perdiamo altro tempo e vediamo subito tutte quelle caratteristiche che hanno reso quest’eremo un vero e proprio luogo di culto meta di moltissimi fedeli durante tutto l’anno.

 

Le caratteristiche dell’eremo

L’eremo della Madonna dell’Altare si trova a 1272 metri sul livello del mare, una bella altezza che offre scorci assolutamente straordinari ed indimenticabili. Una vista unica possibile solo in luoghi così.

L’eremo si trova sulla Majella e molto probabilmente rappresenta il primo luogo in cui visse Pietro Angeleri prima di prendere i voti e diventare Papa ed assumere il nome di Celestino V. Abbiamo ripercorso un po’ della storia di questo storico Pappa nell’articolo della scorsa settimana. Ne abbiamo analizzato fasi ed opere, ma per non ripeterci ti invitiamo a dare un’occhiata all’articolo che trovi sul Blog della nostra struttura.

Per giungere all’eremo della Madonna dell’altare mediante un’agevole strada che di districa lungo tutto il pendio che ospita la struttura, ma nei giorni in cui si celebra la Madonna dell’Altare è di tradizione percorrere alcune vie secondarie lungo i boschi della montagna. Una scelta che indica e che rappresenta la via del pellegrino penitente e che da sempre i fedeli preferisco percorrere.

La costruzione dell’eremo risale al XIV secolo ed è probabile che il nome ‘dell’Altare’ sia stato tratto dalla forma caratteristica della struttura, per l’appunto a forma di altare. All’interno, oltre alla chiesa che ricopre la posizione principale dell’eremo, è presente anche un centro abitativo tenuto dai celestiniani sino al 1807 per poi essere abbandonato e sostenuto da un eremita laico sin quando i Baroni Porticone si impossessarono della struttura e la tarasformarono nella dimora estiva di famiglia. Solo in seguito l’intero eremo fu donato la comune che di Palena.

Da sottolineare alcuni riti e pellegrinaggi liturgici che vengono celebrati dal 2 Luglio al 12 Settembre e che conservano molte peculiarità della cultura pastorale del tempo.

 

Conclusioni

Gli eremi sono dei veri e propri luoghi magici, nascondo storie e tradizioni molto lontane da noi ma ancora molto vive nei cuori dei fedeli che ogni anno scelgono di far visita a questo e tantissimi altri eremi d’Abruzzo ai quali dedicare le loro preghiere.

Share:
Related Post