I laghi abruzzesi: il lago di Casoli o di S. Angelo

Ciao! Eccoci ad un nuovo appuntamento del nostro blog. Settimanalmente ci impegniamo ad offrirvi news e notizie riguardanti il nostro territorio ed anche oggi continueremo a farlo sperando di fornivi delle informazioni inedite su questo territorio unico: l’Abruzzo.

In occasione del lancio del nuovo articolo abbiamo pensato di aprire una nuova rubrica tutta pensata ai numerosi laghi che costellano il territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo. Ma non perdiamo altro tempo ed esploriamo subito il lago dell’articolo di oggi: il lago di S. Angelo.

 

Il Lago di S. Angelo: caratteristiche principali

I laghi presenti qui in Abruzzo risultano particolarmente importanti per numerosi motivi e uno dei tanti è certamente la profonda biodiversità che ospitano. Ecosistemi delicati ed animali sull’orlo dell’estinzione, hanno reso molti di questi laghi famosissimi tra i biologi italiani e non solo.

Il lago di S. Angelo sorge in una valle denominata ‘dall’Aspro massiccio della Majella’ in quanto le pareti rocciose cadono a strapiombo nell’acqua. In verità il lago è stato ottenuto grazie allo sbarramento delle acque del fiume Aventino, le rive risultano accessibili da alcuni sentieri non asfaltati recuperati lungo il lato sinistro del lago. Lungo le sponde di questo splendido lago artificiale sono presenti numerose aree di sosta da dove è possibile ammirare il panorama del lago di S. Angelo. ed ovviamente uno dei versanti più belli della Majella.

In cima al colle che sorge accanto al lago a è presente una piccola torre. Fu edificata in epoca Medievale per poter scorgere i nemici ancora prima che arrivassero in questi luoghi. Solo successivamente nel lontano 1866 fu nuovamente utilizzata dai briganti come torre d’avvistamento, un periodo particolare che diede vita a numerose leggende che ancora oggi offrono un velo di mistero e segretezza sull’intera struttura. Oggi la torre si presenta in uno stile completamente nuovo, restaurata qualche anno fa è possibile visitarla ed ammirare uno scorcio unico apprezzabile solo da un’altezza simile.

Anche se artificiale questo lago costituisce oramai un luogo importante per l’intero ecosistema della zona.

 

Come raggiungerlo

Non è certamente difficile poter raggiungere il lago di Casoli, in ogni caso abbiamo pensato di segnalarvi la presenza di questo lago medinate Google Maps:

 

Conclusioni

Anche oggi siamo giunti al termine di questo fantastico articolo alla scoperta dei laghi d’Abruzzo. Continuate a seguirci per non perdervi nulla, vi aspettiamo qui!

Share: